MICHAELA... pensieri nel blu

Umberto Tozzi - Tu
1978 - LP, CGD, 20058

Tu

Lato A
Tu
Hei sole
Tu domani
Come zucchero
Bella ma

Lato B
Zingaro
Pensando a te
Perdendo Anna
Sogno Cb

TU

(Testo e Musica: Umberto Tozzi, Giancarlo Bigazzi)

dan
dabadan, dabadan
babadan, bam, bam, bam, bam...
Tu stiamo qui stiamo là
c'è l'amore a cena e tu
dimmi sì se ti va
il mio letto è forte e tu
pesi poco di più della gommapiuma
tu perchè tu non ci sei
e mi sto spogliando.
Tu quanti anni mi dai
ho un lavoro strano e
tu ma va là che lo sai
vista da vicino tu
sei più bella che mai
baci da un minuto
tu non ne dai, non ne dai
chi ti ha fatto entrare.
Tu, chi mi brucia sei tu
e anche la mia marcia in più
ed un po' di follia
quanto basta perchè tu
come lei non sei mia
se mi fai l'amore
ti canterò
come se fossi una canzone.
Canterò e camminando sveglierò
chi sta sognando più di me
al mondo siamo io e te ragazza triste.
Canterò la pioggia perchè venga giù
il vento che si calmi un po'
il cielo perchè sia più blu e mi sorrida tu.
dan
dabadan, dabadan
babadan, bam, bam, bam, bam...
Tu, non sarai mica tu
una saponetta che
scivolando non c'è
dimmi che da un'ora tu
hai bisogno di me
che ti ossigeno di più
dimmi che non sei tu
un miraggio, ma sei tu.
dan
dabadan, dabadan
babadan, bam, bam, bam, bam...
Canterò e camminando sveglierò
chi sta sognando più di me
al mondo siamo io e te ragazza triste.
Canterò la pioggia perchè venga giù
il vento che si calmi un po'
il cielo perchè sia più blu e mi sorrida tu.
dan
dabadan, dabadan
babadan, bam, bam, bam, bam...

HEI SOLE

(Testo e Musica: Umberto Tozzi, Giancarlo Bigazzi)

hei sole il sole sempre il sole
il sole è sempre il sole
hei sole il sole è sempre il sole
sempre sole sempre sole sempre sole
lasciato da Marianna che una mamma era per me
sto con le spalle al muro ripetendo trentatré
complesso del dottore no era un'avvocato
con quel che mi ha mangiato si diverta tanto
hei il sole
hei sole il sole sempre il sole
il sole è sempre il sole
hai sole il sole è sempre il sole
sempre sole sempre sole sempre sole
cambiando situazione dove il diavolo ero io
lasciando il meridione dissi poveracci addio
ma il cielo di Milano è una mano sulla testa
e dissi poveracci a chi ci resta
torno al sole
hei sole il sole sempre il sole
il sole è sempre il sole
hai sole il sole è sempre il sole
sempre sole sempre sole sempre sole
poi venne anche novembre con i ceppi intorno al fuoco
a far l'amore poco non te lo ricordi più
lei mi disse sei imponente o qualche cosa in ente
piangendo alla finestra la guardavo mentre
hei il sole
hei sole il sole sempre il sole
il sole è sempre il sole
hei sole il sole è sempre il sole
sempre sole sempre sole sempre sole

TU DOMANI

(Testo e Musica: Umberto Tozzi, Giancarlo Bigazzi)

Tu domani dacci un po’ di sole in più
Finché la primavera scoppierà
Negli occhi dell’autunno allora tu
Proteggi la mia ombra il corpo mio
Dalla ferita fredda dell’addio
E svegliami di uccelli il sonno tu
Ritrova alle balene il polo nord
E ai bombardieri in cielo la pietà
Facci capire il mondo dove va
Questo supermercato di follia
Guarisci un po’ la nostra malattia
Non ci lasciare troppo soli tu
Perché non si ripeta Buchenwald
E il cervo non diventi un operaio
Scontento solo emarginato tu
Distruggi il tempio della vanità
E la prostituzione che c’è là
Ti dico che mi son drogato anch’io
Nella disperazione di un’età
Che ha fame di un amore che non c’è
E quando sarò vecchio e triste Dio
Fammi ascoltare ancora yesterday
E poi fammi morire accanto a lei
E poi fammi morire accanto a lei

COME ZUCCHERO

(Testo e Musica: Umberto Tozzi, Giancarlo Bigazzi)

Come zucchero alle labbra
come freddo come febbre tu
come un tiepido orsacchiotto
che nel letto non ci stava più
Tu che sei di me la cicatrice d'amore
tu che non ci sei però ti fai ricordare
come zucchero nel cuore
la mattina quando penso a te
come neve o cocaina ti ripesco
dentro al mio caffé
come Rolling Stones quando mi va di ballare
ti ho tradito sai ma non c'è niente da fare
Come zucchero al motore
tu mi fermi mentre vado via
addormentato sulle ali
di una vita che vuol essere mia
Tu che eri per me
la rivoltella e il cuscino
e adesso solo senza di te
io non ci vedo nemmeno
tra lo zucchero filato
nella folla il tuo vestito va
e ti fa largo come un prete
ad un festival dell'Unità
Io ti aspetterò quando esci da lavorare
e bianco troppo bianco sarò
nei tuoi occhiali da sole
Come zucchero di sale
bene o male io la scorderò
guarderò nelle vetrine
ci ripasseremo insieme
e poi no
e se tu mi dirai
vorrei avere un bambino
stavolta al letto mi legherò
ma voglio starti vicino...
e se tu mi dirai
vorrei avere un bambino
stavolta al letto mi legherò
ma voglio starti vicino...
Come zucchero alle labbra
come freddo come febbre tu.

BELLA MA

(Testo e Musica: Umberto Tozzi, Giancarlo Bigazzi)

Tutti alla porta del bar
vuol dire che sono le sei
e tu stai passando di qua
di corsa chissà dove vai
modestamente potrei
ma va non ti vede nemmeno
ne ho avute anche meglio di lei
per me è bella ma ha poco seno
Bella ma chissà che cosa sei
sono qua e non mi guardi mai
bella ma col naso un po' all'insù
cosa vuoi la foto su playboy
bella ma coi fianchi di cristallo
chi lo sa l'amor con te se è bello
bella ma non vorrei averti per sorella
Guardavo freddarsi un caffé
qualcuno ci ha presentato
ti ho chiesto se uscivi con me
la voce arrivò da un imbuto
Bella ma con 5000 lire
che si fa si può ballare o bere
bella ma adesso non guardare quelli là
li voglio far morire
Bella ma un bacio sotto casa io e te
il resto è storia chiusa
bella ma stasera forse sei più bella
Pronto ma come non c'è
lei figli quanti ne ha
allora Maria chi è
è Mario sarà bella ma
Bella ma adesso che ci penso
la tua voce sembrava un controsenso
Bella ma nemmeno una carezza
e pensai che bella timidezza
Bella ma non ti ho riconosciuto
forse sei l'amore travestito
bella ma piacevi solo a me peccato

ZINGARO

(Testo e Musica: Umberto Tozzi, Giancarlo Bigazzi)

Zingaro voglio vivere come te
andare dove mi pare non come me
e quando trovi uno spiazzo nella città
montare la giostra e il disco di un anno fa.
Zingaro senti l'ossido di che sa
attento a non ammalarti di civiltà
tua moglie col parrucchiere è quel che vuoi
la scuola ti ruba i figli e non son più tuoi.
Zingaro dente d'oro dell'Ungheria
un piatto dei tuoi fagioli che vuoi che sia
la notte io dormo al fuoco se tocca a me
ma zingaro voglio vivere come te
abito là ma vengo via
costa un'enormità e poi non c'è più poesia
lei su di me pesa di più
di tutta la neve che negli anni avrai visto tu.
Zingaro voglio vivere come te
oh zingaro voglio vivere come te
oh zingaro voglio vivere come te
oh zingaro voglio vivere come te.
Zingaro quel seno al lunapark
e quello era il tiro a segno agli occhi miei
mia madre diceva zingaro finirai
e adesso che sono zingaro e ha vinto lei.
Sento che va sento che va
delle frittelle il fumo ecco la libertà.
Vento che va vento che va
non sono una Ferrari eppure sento che va.
Va Va Va Va Van.
Amico mio amico Dio
dimmi la verità il pazzo sono io
che amo di più che ho i nervi giù
Più guardo verso il cielo e più mi sento solo.
Zingaro voglio vivere come te
oh zingaro voglio vivere come te
oh zingaro voglio vivere come te
oh zingaro voglio vivere come te.
Zingaro voglio vivere come te
andare dove mi pare non come me
e quando trovi uno spiazzo nella città
montare la giostra e il disco di un anno fa.
Sento che va sento che va
delle frittelle il fumo ecco la libertà.
Amico mio amico Dio
dimmi la verità il pazzo sono io
che amo di più che ho i nervi giù
Più guardo verso il cielo e più mi sento solo
Vento che va vento che va
lai la la la la la.
Va Va Va Va Va Van.

PENSANDO A TE

(Testo e Musica: Umberto Tozzi, Giancarlo Bigazzi)

Pensando a te io mi vesto e via
Pensando a te come un soffio io
Pensando a te un biglietto addio.
I passaporti prego qui che c’è
Valigie sogni e forse un po' di te
Qui un anno fa guardavo l’Italia
Come una vecchia zia in miseria
Qui ora sto pensando a te.
Un anno fa c’era una stella in più
Com’eri bella sotto il cielo tu
Sì anima mia di vecchio soldato
La biancheria non hai perduto
E per lei hai sempre vinto tu.
Ah ecco gli alberi
Da quanto tempo non li sognavo più
Ah ecco gli alberi e mi risveglio...
Pensando a te che a quest’ora sei
Pensando a te calda come il pane
Pensando a te io ti voglio bene
Pensando a te con le mani in croce
Pensando a te con la stessa voce
Pensando a te io ritorno.
Un caldo bagno schiuma di poesia
Vuoi esser mia semplicemente mia
Vuoi una frittata di pane e d’amore
Fammi dormire sul tuo cuore
Fammi dormire sul tuo cuore...
Ah ecco gli alberi
Da quanto tempo non li sognavo più
Ah ecco gli alberi e mi risveglio...
Pensando a te che a quest’ora sei
Pensando a te calda come il pane
Pensando a te io ti voglio bene
Pensando a te con le mani in croce
Pensando a te con la stessa voce
Pensando a te io ritorno a te...

PERDENDO ANNA

(Testo e Musica: Umberto Tozzi, Giancarlo Bigazzi)

Il dottore dice che ho il cuore
di un atleta e ho tanto da campare
l'acqua è calda qui in piscina
sto bene eppure sto perdendo.
Anna lo so
proprio Anna però
al Cavour stasera danno
un film che non le piaceva proprio perché piaceva a me.
Bell'incosciente stai perdendo Anna
lo sai senza anna che fai
quelle quattro ragazzine che ha
cosa credi che
vengon solo perché hai la macchina.
alla partita sto perdendo
Anna però senza Anna che goals
forse lei portava male un po'
chi mi vuole al bar
al telefono c'è Anna
proprio mentre ho la scala reale massima.
Quanto costa andare al night ho vinto
dove vuoi andare è tutto spento
il mio giorno da leone
è alla fine e so che sto perdendo
Anna però
se pulissero le strade un po'
dai piccioni della cattedrale allora qui
potrei dormire aspettando Anna lo sò
che lei passa di qui
travestito da ambulante potrei
farle i prezzi a meta' contrattando un po' come piace a lei
e invece sveglio la portiera e sto' perdendo Anna ma c'è
un biglietto per me
stò aspettando sono Anna perché
tu non passi da me
mentre stò perdendo Anna.

SOGNO CB

(Testo e Musica: Euro Cristiani)

Il pensiero
Che era azzurro adesso è blu
Certo non ne hai colpa tu
Se sto alla finestra
E non dormo con te
Qui S.O.L.O. 3 chiama Rosso dell’est.
Esce il sole
Prima un raggio e poi metà
Il messaggio è tutto qua
Affoga nell’aria
Il bisogno di te
Qui S.O.L.O. 3 chiama Rosso dell’est.
Io ricevo chiaro amico mio
Il nome in codice che hai
Strano non l’ho sentito mai
Dimmi cosa vuoi perché sei sceso tra di noi
E perché hai scelto proprio me
Del cielo spiegami perché
Era azzurro e adesso è blu
Posso esistere di più
Parlando con l’aria
Parlando di me
Qui S.O.L.O. 3 chiama Rosso dell’est.
Qui amplificando appena un po'
Quella collina passerei
E chi mi fermerebbe più.
Era azzurro e adesso è blu
Certo non ne hai colpa tu
Se esplode una stella
E tu dormi così
Finisce qui dolce sogno CB.

Formazione

Umberto Tozzi: voce solista, chitarre, cori.

Collaboratori
Euro Cristiani: batteria, percussioni, cori.
Guido Guglielminetti: basso.
Roberto Zanaboni: tastiere.
Tore Melillo: chitarre.
Orchestra d'archi arrangiata e diretta da Gianfranco Monaldi.

Note

Produzione: Giancarlo Bigazzi.

Fonti bibliografiche

http://it.wikipedia.org/wiki/Tu_%28album%29

  DISCLAIMER

I testi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori.
La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca.
Link al testo completo.

  ALTRO



Ricerca personalizzata